.
Annunci online

 
colonnedercole 
Confessione di un pazzo.
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  bombay
Clelia
g
Il Blog di eriadan
La Libreria di Desio
sbloggata
chia
Ossama Boshra
babele
miele98
Jac
psiko
BACCO
FotoBlog
Eveline
chinaski
simopal
LucaP
ludiprussia
Dinodrillo
hollygolightly
arsenico
napolino
Il Nome Della Cosa
julie
Mediagonal
Yogurtalimone
suibhne
viaggio
vetro
Chema Madoz
Alessandro Bavari
Warnews
Pino Scaccia
Taliesin
Nefeli
Centro Studi del Vicino Oriente
albatroferito
TV Cartoon mania
Florilegio
Afascinantisimo
delfi
Lia
Dacia Valent
kelebek
mirumir
Clockwork
Trenidicarta
Babsi
San
Laura
Sherif
Blog-grafie
  cerca

"...vidi un tramonto a Querétaro che sembrava riflettere il colore di una rosa nel Bengala..."
Jorge Luis Borges, "L'Aleph"

Questo blog è sottoposto a regime autocensorio. L'autore si scusa per le offese arrecate e si impegna a non pubblicare mai più post diffamanti.

Che tempo fa a Querétaro:

The WeatherPixie

Questo blog aderisce a:




Biblioteca:
"Nessun Dove" - Neil Gaiman
"La Disfatta" - Émile Zola
"Sentiero Notturno" - Ludwig Hohl








 Blog Aggregator 3.0 - The Filter
 

Blogs Directory


Google PageRank™ - Post your PR with MyGooglePageRank.com

 
 
Locations of visitors to this page 
My status


 

Diario | Quaderno | Politichese | Cinemino | Stereoscopio | Tesare | Viaje | Carta | Novelle da Due Frasi |
 
Diario
357656visite.

29 maggio 2007

Sogno.

Stanotte ho fatto un sogno, uno di quei sogni così strani che non vanno via al mattino, uno di quei sogni che cercano di dirti qualcosa, che non sembrano neanche sogni.

Stavo in una città che non conoscevo, in una periferia poverissima. Ero come perso fra le baracche. Non c'era nessuno ed era tutto bruttissimo, buio e metallico, pieno di muri di acciaio. A un certo punto, girando fra i bungalow fatti di tende stracciate e lamiere, ho detto ad alta voce: "Qui non c'è proprio niente di bello! Proprio niente!"
Una voce, da una delle baracche, mi ha risposto: "Non è vero!". Da dietro una tenda è spuntata una bambina sui dieci, forse dodici anni, su una biciclettina. La bambina era completamente calva: ho capito che era malata di tumore e stava facendo la chemioterapia. Mi sono scusato con lei, e ho cominciato a parlarle. Le ho promesso che sarei tornato. E infatti, dopo avermi guidato con la sua biciclettina fuori dalla baraccopoli, mi sono ritrovato di nuovo fra le vie di lamiere, come se fosse stato un altro giorno. 
Sono andato a cercare ancora la bambina. E l'ho trovata sulla sua biciclettina. Abbiamo parlato un po' di cose che non ricordo, e poi l'ho portata fuori dalle baracche: volevo farle mangiare qualcosa di buono e siamo andati a prendere un panino, in un locale. Lei sembrava vedesse tutto per la prima volta e si stupiva su ogni cosa, e io le spiegavo tutto con piacere.
Alla fine, dopo un lungo silenzio, le ho chiesto se era malata grave, e lei mi ha risposto che le rimaneva poco da vivere. Ricordo di aver provato un brivido. Le ho chiesto quanti anni avesse, e lei mi ha risposto, così piccola, che era nata nel 1975.
"Ha la mia età", ho pensato.
Così piccola... era rimasta bambina e si era persa un sacco di cose. E il suo volto, lo vedevo di profilo, è diventato un po' più vecchio, come se avesse acquistato più saggezza e tristezza insieme.
 
E poi, prima di svegliarmi, ho pensato che quella bambina/ragazza/donna ero io.




permalink | inviato da il 29/5/2007 alle 22:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (50) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo