.
Annunci online

 
colonnedercole 
Confessione di un pazzo.
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  bombay
Clelia
g
Il Blog di eriadan
La Libreria di Desio
sbloggata
chia
Ossama Boshra
babele
miele98
Jac
psiko
BACCO
FotoBlog
Eveline
chinaski
simopal
LucaP
ludiprussia
Dinodrillo
hollygolightly
arsenico
napolino
Il Nome Della Cosa
julie
Mediagonal
Yogurtalimone
suibhne
viaggio
vetro
Chema Madoz
Alessandro Bavari
Warnews
Pino Scaccia
Taliesin
Nefeli
Centro Studi del Vicino Oriente
albatroferito
TV Cartoon mania
Florilegio
Afascinantisimo
delfi
Lia
Dacia Valent
kelebek
mirumir
Clockwork
Trenidicarta
Babsi
San
Laura
Sherif
Blog-grafie
  cerca

"...vidi un tramonto a Querétaro che sembrava riflettere il colore di una rosa nel Bengala..."
Jorge Luis Borges, "L'Aleph"

Questo blog è sottoposto a regime autocensorio. L'autore si scusa per le offese arrecate e si impegna a non pubblicare mai più post diffamanti.

Che tempo fa a Querétaro:

The WeatherPixie

Questo blog aderisce a:




Biblioteca:
"Nessun Dove" - Neil Gaiman
"La Disfatta" - Émile Zola
"Sentiero Notturno" - Ludwig Hohl








 Blog Aggregator 3.0 - The Filter
 

Blogs Directory


Google PageRank™ - Post your PR with MyGooglePageRank.com

 
 
Locations of visitors to this page 
My status


 

Diario | Quaderno | Politichese | Cinemino | Stereoscopio | Tesare | Viaje | Carta | Novelle da Due Frasi |
 
Diario
369907visite.

11 agosto 2006

La città dopo la sbronza.

Arrivare al Van Gogh Museum è un'impresa.

Non tanto per la distanza dall'ostello, quanto per la considerevole massa di distrazioni che le strade di Amsterdam presentano.
Tra noi otto viandanti che cercano la strada per quella mèta irrinunciabile, le tele del pazzo, c'è chi vuole le confezioni di caffè aromatizzato, chi un tanga fatto con caramelline di zucchero inanellate in fili di nylon, chi la bandiera dell'Olanda - quella giusta, chi una ciambella glassata, chi un caffè, chi - urgentemente - un bagno.

La città, la mattina dopo il delirio, sembra un'altra: stanca, stremata, appena uscita da una colossale sbronza. La puoi vedere: ha gli occhi iniettati di sangue e barcolla per le sue stesse strade, cercando di ricordare i particolari della sera precedente. Poi mangia una ciambella glassata, sorbisce un lungo, brodoso e rilassante caffè, e riprende faticosamente, sussurrando, la sua normalità.
Per il centro sono già passati gli spazzini e potresti specchiarti nel selciato, ma l'immondizia della festa ingombra ancora le vie più periferiche, verso il museo.

Ricongiungimento con il nostro agente ad Amsterdam, un'oretta di coda alla biglietteria, e poi solo colori.




permalink | inviato da il 11/8/2006 alle 18:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        settembre